Prestitimutuifinanziamenti.it

MUTUO A TASSO MISTO

Il mutuo a tasso misto è proposto spesso dagli istituti di credito a chi desidera un finanziamento immobiliare mixato tra il tasso fisso e il tasso variabile.

- Cosa si intende per mutuo a tasso misto?

Il mutuo a tasso misto è il tipo di mutuo più adatto a chi non sa scegliere tra un mutuo a tasso fisso e un mutuo a tasso variabile, ma anche e soprattutto a chi è esperto di andamento economico e sa come sfruttare i momenti migliori del mercato finanziario. Il mutuo a tasso misto è caratterizzato da un regime modificabile, infatti il consumatore che decide di accenderlo potrà variare il tipo di tasso in base alle proprie esigenze.

- Come si regola il mutuo a tasso misto?

Il mutuo è a tasso misto quando consente al mutuatario di passare da una rata costante ad una invece variabile durante la vita del contratto e viceversa. Si ha quindi l’opportunità di modificare la misura iniziale degli interessi nel corso della vita del mutuo sulla base delle aspettative circa l’andamento del costo del denaro. In tal modo si ha la possibilità di gestire in modo dinamico il rischio di tasso, contenendo gli effetti dei rialzi in caso di tasso variabile ovvero di ribassi in caso di tasso fisso. Questa opportunità non è priva di costi aggiuntivi da riconoscere alla banca, che peraltro non sempre sono facilmente individuabili in quanto spesso contenuti nel tasso di interesse applicato.

- Perchè può essere conveniente il mutuo a tasso misto?

Il mutuo a tasso misto è caratterizzato da due componenti. In genere, dal momento del contratto si inizia a rimborsare il mutuo stesso seguendo un tasso fisso per circa 5 o 10 anni, permettendo al cliente di decidere se passare o meno al tasso variabile. Sono formule particolarmente convenienti per chi sottoscrive un mutuo, in quanto non escludono di beneficiare dei vantaggi del tasso variabile nei momenti in cui la congiuntura economica sia favorevole, e contemporaneamente garantiscono con il tasso fisso di non essere penalizzati dal rialzo dei tassi d'interesse.

- Quali sono gli svantaggi del mutuo a tasso misto?

Quando si accende un mutuo a tasso misto è risaputo che si inizierà con un periodo concordato contrattualmente a tasso fisso. Questo può essere di durata di circa 5 anni, più o meno, in base alle condizioni dell'istituto di credito. L'errore più frequente che il consumatore può commettere, è credere che il mutuo a tasso misto possa aprirsi con un tasso fisso dalla percentuale d'interessi conveniente, che, qualora fosse vantaggiosa, al momento della decisione di variare tasso, potrà essere riconfermata per ulteriori annualità. Questo è sbagliato: il mutuo a tasso misto prevede che si possa usufruire delle opzioni di scambio dei tassi, ma se verrà riconfermato il tasso fisso che tanto era sembrato conveniente al momento dell'accensione, bisognerà sapere che la situazione verrà aggiornata al tasso fisso vigente nel momento della conferma stessa. Ecco che quindi si dovrà avere buone informazioni per comprendere se il tasso fisso sarà ancora conveniente oppure se sarà meglio cambiare con quello variabile.

Mutuo a tasso misto aggiornato il 27 Marzo 2017

Vai alla home:Prestiti Mutui Finanziamenti

mutuo a tasso misto